Aristonothos. Scritti per il Mediterraneo antico (Università degli Studi di Milano)

Una nota da Enrico Giovanelli.

“Questa serie vuole celebrare il mare Mediterraneo e contribuire a sviluppare temi, studi e immaginario che il cratere firmato dal greco Aristonothos ancora oggi evoca. Deposto nella tomba di un etrusco, racconta di storie e relazioni fra culture diverse che si svolgono in questo mare e sulle terre che unisce.”

La serie nasce nel 2007 da un’idea di Federica Cordano, già docente di Storia Greca dell’Università Statale, e Giovanna Bagnasco, professoressa di Etruscologia presso il medesimo ateneo. Oltre a loro, negli ultimi anni alla direzione si è affiancata Teresa Alfieri, docente di Epigrafia Greca.

La serie, pur non avendo una periodicità regolare, ha già visto l’uscita di otto volumi che raccolgono, accanto a contributi di illustri studiosi, anche studi di giovani ricercatori emergenti. La serie infatti ambisce particolarmente a costituire uno spazio ed un’opportunità di pubblicare selezionando contributi innovativi e originali secondo i criteri adottati dalle politiche dell’Open Journal System.

Aristonothos si avvale di un comitato scientifico internazionale di elevato livello scientifico oltre che di un panel di revisori selezionato per le proprie particolari competenze scientifiche a cui sottoporre i contributi proposti.

Oltre alla serie ordinaria, disponibile full-text sul sito in formato pdf, nel 2012 sono nati i Quaderni, acquistabili presso l’editore in formato cartaceo, che invece sono dedicati a lavori monografici o raccolte miscellanee di più ampio respiro sempre sui medesimi temi.

Sito della serie:
http://riviste.unimi.it/index.php/aristonothos

Per acquisire i volumi sia della serie ordinaria, sia dei Quaderni:
http://www.edizioni-tangram.it/


Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *